(IN) Netweek

MILANO

Passaggio dei dipendenti dalle Province alla Regione, é il caos

Share

Preoccupazione per il destino del personale e delle funzioni delle ex Province. Se il Senato approverà il recente emendamento alla Legge di Stabilità che prevede il passaggio del 50% dei dipendenti provinciali e del 30% del personale delle Città Metropolitane alle Regioni, in Lombardia il personale della Giunta Regionale verrebbe più che raddoppiato. Oggi la dotazione organica prevista è di 2750 dipendenti, a questi se ne aggiungerebbero circa 3.000. Ma, alla luce delle prime dichiarazioni, le risorse della Regione non sono sufficienti a garantire tutti i posti di lavoro.

L'emendamento parla di personale e non di funzioni, ma la Regione a questo punto dovrebbe assorbire anche tutte le attività finora in capo alle Province, altrimenti non è chiaro quale ruolo potrebbero ricoprire i 3.000 lavoratori in più.

Dichiara la segretaria Fp Cgil Lombardia Mavì Gardella: "Come si farà a garantire i posti di lavoro, le funzioni e i servizi senza le risorse per farlo? Che ne sarà, solo per porre l'accento su alcune delle funzioni oggi svolte dalle Province, delle autorizzazioni ambientali, della formazione professionale, dell'assistenza ai disabili sensoriali, della Protezione civile, del controllo ittico-venatorio del territorio? L'emendamento del Governo con un solo colpo di spugna cancella di fatto la legge Delrio sul riordino istituzionale. Se si vuole togliere servizi ai cittadini si abbia il coraggio di dirlo chiaramente".

Leggi tutte le notizie su "Milano"
Edizione digitale

Autore:pdn

Pubblicato il: 04 Dicembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.